Saltare la navigazione

Fotografie sotto la lente

Al pari della pittura, la fotografia, nei musei, nelle mostre fotografiche e sul web, è più sfortunata della musica. La musica obbliga lo spettatore a un tempo di fruizione dell'opera stabilito dallo spartito, mentre il tempo dedicato alle fotografie è un tempo soggettivo, talvolta di pochi second. Si può visitare un’intera mostra fotografica in pochi minuti. Si vede ma non si guarda.
Soffermarsi a guardare una foto con calma, consente di apprezzarne la bellezza e scoprire particolari preziosi. D'altra parte, sul web non è facile guardare le foto, la bassa risoluzione non permette una visione particolareggiata e se invece fossero in piena risoluzione dovremmo avere uno schermo adeguato. La lente d’ingrandimento è un piccolo gioco di prestigio che consente di visualizzare la foto nel suo insieme, ma, volendo, consente anche di frugare tra i dettagli con curiosità.

Inizio

 

 

Questo articolo è sotto la licenza Licenza Creative Commons Attribution Share Alike 4.0

mr site by Massimo Romagnoli

"Se il tempo deve finire lo si può descrivere istante per istante - pensa Palomar- e ogni istante, a descriverlo, si dilata tanto che non se ne vede più la fine." Italo Calvino, "Palomar"

p.i. 01909770990